Ennovia

Webinar Case Green

Grazie infinite per la partecipazione

Un ringraziamento speciale a tutti coloro che hanno partecipato al webinar gratuito su Facebook “Case Green – efficienza condominiale attraverso soluzioni contrattuali innovative”. 🌿

Un evento che ha permesso di avere una visione completa e dettagliata sulla Direttiva Case Green, sulla decarbonizzazione degli edifici tramite l’applicazione di pompe di calore, sul contesto normativo dei quorum deliberativi in assemblea e delle CER – il tutto accompagnato da casi studio, soluzioni contrattuali e strumenti innovativi.

Grazie ai nostri relatori, la cui profonda conoscenza e competenza nel settore hanno contribuito ad arricchire il dibattito e a rendere il webinar particolarmente utile per chi ha partecipato 🙏🏻
Angelica Agosta, Alessandro Mosconi, Nicola A. Maggio, Luca Savi, Mattia Zara e Marco Buscemi.

Per rivedere il webinar 👇

Giornata di formazione UNAI

Continua il nostro Road show

Una serie di incontri divulgativi con gli amministratori di condominio del territorio, in collaborazione con UNAI e di cui ENNOVIA è tra i main partners: siamo stati a Verona, Milano e Genova!

La nostra CEO Angelica Agosta e l’ing. Alessandro Mosconi, Business Development Manager di ENNOVIA s.r.l., sono intervenuti parlando delle principali soluzioni per la decarbonizzazione degli Edifici e di geotermia in condominio. 🍃

Questi incontri sono stati delle occasioni di dialogo e confronto tra professionisti.
Grazie a UNAI per l’organizzazione e tutti i partner coinvolti 🙏🏼

Valore degli immobili

Uno studio di Banca d’Italia conferma l’effetto dell’efficienza energetica

Nel contesto del mercato immobiliare italiano, è evidente il legame sempre più forte tra efficienza energetica e valore economico delle abitazioni. Secondo un recente studio condotto dalla Banca d’Italia, intitolato “The capitalization of energy labels into house prices. Evidence from Italy,” le abitazioni classificate come energeticamente efficienti presentano un prezzo medio superiore del 25% rispetto a quelle con una classificazione energetica inferiore.

Read More

Classe energetica e valore degli immobili

È tempo di riqualificare gli immobili

Come è noto, è in corso di definizione una Direttiva europea sulla Prestazione Energetica degli Edifici che fisserà le nuove regole per la classificazione energetica degli edifici. L’orizzonte sembra lontano perché si parla del 2030, ma secondo i dati dell’Osservatorio di REbuild 2023 condotto dal Dipartimento di Culture del Progetto dell’Università Iuav di Venezia vale la pena iniziare fin da subito a prevedere lavori di riqualificazione energetica.

L’analisi – effettuata su tre città campione: Bergamo, Mestre e Padova – a messo in evidenza che per un fabbricato – centrale o periferico – la variazione di valore fra una classe E e una classe D si aggira intorno al 5-6%, ma sale fra il 14 e il 18% se si passa da una G a una D e addirittura fra il 30 e il 40% da una G a una A.

Read More

Condomini e Impianti Industriali

Indipendenza energetica cos’è e come si raggiunge?

La sostenibilità ambientale sta diventando una priorità globale e in questo contesto l’indipendenza energetica sta guadagnando sempre più importanza. L’indipendenza energetica si riferisce alla capacità di produrre e utilizzare energia in modo autonomo e sostenibile, riducendo la dipendenza dalle fonti energetiche esterne. Significa non dipendere esclusivamente dalla rete elettrica nazionale o dal gas naturale per soddisfare le proprie esigenze energetiche. 

Read More

Efficienza energetica delle abitazioni

Le indicazioni della direttiva europea

C’è molta apprensione a proposito della Direttiva Europea sulla Prestazione Energetica degli Edifici (EPBD) ma, partendo dai documenti ufficiali si può fare chiarezza per affrontare con serenità gli interventi necessari, cogliendo l’opportunità di migliorare la propria abitazione dal punto di vista dell’efficienza e del risparmio energetico.

Read More

Vendite pompe di calore in aumento

Pompe di calore: le vendite in Europa continuano a salire

È notizia di questi giorni che le vendite di pompe di calore continuano a crescere in tutta Europa, con un aumento del 38%. Lo dice il rapporto della European Heat Pump Association mettendo in evidenza che questa tecnologia, con 20 milioni di impianti installati, attualmente sta fornendo riscaldamento a circa il 16% degli edifici residenziali e commerciali in Europa. Anche l’Italia fa la sua parte con una crescita annua in linea con la media europea e più di 500 mila impianti.

Read More

Lavori in corso a Limbiate

Geotermia in un piccolo condominio

A Limbiate stiamo realizzando un impianto geotermico da 60 kW a ciclo aperto (profondità pozzi 50 m), per la produzione di acqua calda sanitaria e riscaldamento di un piccolo condominio. La pompa di calore che verrà installata è la Water Blaze di TEON, società di VEOS GROUP e partner di Ennovia.

Anche questo impianto contribuisce all’elettrificazione dei consumi e quando sarà in esercizio i risultati attesi sono:
•  Livello di indipendenza energetica: 57%
•  Risparmio sulle spese per riscaldamento: 54,56%
•  Riduzione emissioni : 13,02 ton CO2/anno

Un nuovo cantiere

Due nuovi impianti geotermici a Saronno

Iniziati in due condomini di Saronno i lavori per la realizzazione di due nuovi impianti geotermici in sostituire degli attuali impianti termici a gas. Questi lavori termineranno a fine aprile, in seguito verrà installata la pompa di calore Water Blaze di TEON, società del gruppo VEOS e partner di Ennovia.


Nell’immagine qui a destra è possibile vedere una trivellatrice in azione per realizzare i pozzi di presa e resa dell’acqua di falda. L’acqua di falda ha una temperatura costante durate l’anno (10-15°C), il fatto che sia costante, rispetto ad esempio all’aria esterna che varia temperatura continuamente, permette alla Water Blaze di ottenere un coefficiente di performance (COP) senza paragoni.

Quando gli impianti saranno in funzione si stima di raggiungere questi obiettivi: 59% di livello di indipendenza energetica atteso 83% di risparmio atteso sulle spese per riscaldamento 35,39 ton CO2/anno di riduzione emissioni attese